Presentazione
Comitato Direttivo
Comitato Scientifico
Programmazione
Incontri di studio
Pubblicazioni

Informazioni
Dove siamo
Links Utili








































































Si è svolto a Cefalù nei giorni 14 e 15 maggio 2010 il convegno su “Il concorso esterno in associazione di tipo mafioso”, in memoria della d.ssa Gilda Loforti, magistrato in servizio dapprima a Nicosia e poi a Caltanissetta, prematuramente scomparsa il 1 aprile 2008.
Il convegno è stato accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Termini Imerese e dai Magistrati referenti per la formazione decentrata delle Corti di Appello di Palermo e di Caltanissetta.
L'argomento trattato rappresenta sicuramente uno dei temi più delicati nel dibattito dottrinario e giuridico attuale , e riguarda il meccanismo  attraverso il quale è stata estesa la punibilità penale a quella vasta area della contiguità mafiosa (politica, imprenditoriale,amministrativa, ma anche di comuni cittadini) che fornisce un indubbio contributo alla sopravvivenza del fenomeno criminale.
La prima giornata del convegno è stata presieduta da S.E. Francesco Ingargiola, presidente della Corte di Appello di Caltanissetta.
I lavori sono stati preceduti dai messaggi di saluto di Giuseppe Guercio, Sindaco di Cefalù, e di Carmelo Pace, presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Termini Imerese , e dai messaggi di ringraziamento di Raimondo Cerami, presidente del Centro Siciliano di studi sulla giustizia che ha organizzato l'evento.
La relazione introduttiva è stata effettuata da Salvatore Aleo, professore ordinario di diritto penale presso l’Università di Catania.
 La prima sessione del convegno ha avuto un contenuto prettamente scientifico con gli interventi programmati di Alessandro Centonze, giudice del Tribunale di Catania, di Angelo Mangione, professore associato di diritto penale presso la LUMSA di Palermo, di Antonio Balsamo, giudice del Tribunale di Palermo destinato all'Ufficio del Massimario della Corte di Cassazione, di Antonio Scaglione, professore ordinario di diritto processuale penale presso l'Università di Palermo, e di Bartolomeo Romano, professore ordinario di diritto penale presso l'Università di Palermo e Consigliere giuridico del Ministro della Giustizia.
 

Al termine della prima giornata, gli ospiti e le altre personalità intervenute hanno partecipato a un concerto in memoria della d.ssa Gilda Loforti, tenuto dalla Fanfara del XII Battaglione dei Carabinieri Sicilia nella piazza del Duomo di Cefalù.
E’ seguito un ricevimento offerto dal Presidente dell’A.R.S. Francesco Cascio presso la Base Logistica Militare dell’Esercito.
La seconda giornata dei lavori si è svolta sotto forma di tavola rotonda, che è stata presieduta da S.E. Vincenzo Oliveri , presidente della Corte di Appello di Palermo, e che è stata incentrata sopratutto sul problema dell'eventuale “tipizzazione” della fattispecie penale del “concorso esterno”.
In apertura è stato letto il messaggio con il quale il Ministro della Giustizia , Angelino Alfano, ha comunicato la propria impossibilità di partecipare al convegno a causa di impegni sopravvenuti, esprimendo tuttavia il proprio apprezzamento per l'iniziativa e l'impegno di tenere conto dei risultati della discussione.
Il dibattito ha visto la partecipazione di Giovanni Fiandaca, professore ordinario di diritto penale presso l’Università di Palermo, di Salvatore Aleo, professore ordinario di diritto penale presso l’Università di Catania, di Roberto Centaro, vice-presidente della Commissione Giustizia del Senato, di Giuseppe Lumia, componente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata mafiosa e similare, di Roberto Tricoli, presidente della Camera Penale di Palermo, di Maurizio Turco, deputato al Parlamento Nazionale, e di Costantino Visconti, professore di diritto penale presso l'Università di Palermo.
Il professore Bartolomeo Romano ha svolto la relazione di sintesi, riassumendo i temi trattati ed indicando alcune possibili soluzioni dei problemi emersi nel dibattito.



© 2008 Fondazione Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia | Home | Contatti | Dove Siamo